TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Bob Torrent, la web serie sulla pirateria online

Non esattamente una serie pubblicitaria ma scritta dallo studio Leo Burnett, ne abbiamo parlato con il socio di sempre Herbert Ballerina, per capire cosa sia Bob Torrent, progetto che il team di Maccio Capatonda ha realizzato per Infinity, prendendo di petto fin dal titolo la pirateria.

Reduci dal successo (si, è stato un successo) del film 'Italiano Medio' ora realizzano questi piccoli video di pochi minuti che saranno visibili per gli utenti di Infinity (il servizio di video on demand con catalogo di film e serie tv di Mediaset).

“Ce l’hai presente Leo Burnett?”

Lo studio pubblicitario?

“Eh lui, ce l’ha presentato Infinity, avevano una sceneggiatura già scritta, quella di Bob Torrent e ci hanno chiesto se volevamo metterci mano e girarlo con Marcello [AKA Maccio] alla regia e quindi anche io”

Quindi è un progetto in realtà che viene dall’esterno?

“Sì, il che è strano per noi che siamo abituati a fare sempre tutto da noi, dall’inizio alla fine. Ma c’è piaciuto subito, e anche questo è strano. Avevano scritto già 10 puntate nelle nostre corde e abbiamo dovuto cambiare pochissimo”.

Ma è una pubblicità per Infinity?

“Non lo so, non saprei dirlo, di sicuro andrà su Infinity, è una fiction che parla della pirateria online, una semifiction. È uno sfottò contro la gente che scarica”.

La storia qual è?

“La storia è quella della casa di produzione che si chiama Bob Torrent, dal nome del produttore che fa finti film e quando la gente va a scaricare un film famoso si trova dei filmacci inguardabili o sottitolati in giapponese o che non hanno il finale, il mondo dello streaming insomma”.

Voglio ben sperare che i nomi li abbiate inventati voi no?

“Eh un po’ e un po’. A metà. Loro ne avevano già qualcuno e qualcuno l’abbiamo tenuto”.

Solitamente il vostro è un mondo di bastardi, quando dici che era pensato per voi intendi questo?

“Si si, anche questo è un mondo abbastanza brutto, anche se non abbiamo voluto metterci contro la pirateria o lo streaming in maniera decisa, è sempre parodia. Non è che è una critica aspra e violenta, anche perchè questi loro film mettono in difficoltà quelli che scaricano che si ritrovano il loro invece di quello famoso, ma anche questo è un mondo brutto poi a noi ci piace rappresentare questi personaggi sporchi e cattivi”

Ad ogni modo voi, come tutto il mondo avrete pure esperienza di pirateria…

“Ovvio che capita, sinceramente è una cosa che facevo più da piccolo, poi ho capito che non è il massimo, quando ho iniziato a fare questo lavoro ho capito che se scarichi il film del tuo idolo lui poi il film non lo può più fare, mi tocca sul personale. Non mi piace tanto come roba, uno cerca di rispettare l’arte, ovvio che l’ho fatto me meno si fa meglio è”.

Italiano Medio è andato molto bene in sala, avete controllato com’è andato sul circuito pirata?

“Sinceramente no, ma conoscendo il nostro pubblico, che è molto di internet e di web, magari quello zoccolo duro sono proprio quelli che hanno scaricato il nostro film. Credo sia andato bene insomma”.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog