TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Anteprime: In gabbia, la canzone da schiaffi ...

Milano, anno 2014. Sulle bacheche facebook di alcuni milanesi in quota club culture rimbalza un video electro dance che diviene presto virale. In esso una ballerina ripresa in primo piano (al posto del volto, però, è inquadrato il seno abbondante che viene strofinato contro un vetro) tiene il ritmo di una canzone che celebra la vita notturna della città.

Il testo, su tutto, ci piace. Qualche estratto: strisce, righe e moda / vodka, keta e soda / la roba non ci basta / supermercato e pasta / Tocqueville, Magazza / tanga, speed, ragazza / cirashi, sashimi, parco Forlanini/.

Il patrimonio stilistico di riferimento è quello della giornalista barese di moda Anna Dello Russo e della sua canzone Fashion Shower (il testo non finisce in lizza al premio Tenco solo per pigrizia intellettuale dei giurati: ti serve una doccia di moda / perché? / perché io sempre ciao).

Ancora, siamo dalle parti de Il Pagante, altra realtà musicale da club parodistica e ironica che è arrivata a firmare – per non tacere dell'interesse mainstream – un contratto con la casa discografica di Laura Pausini e Max Pezzali (Warner Italia).

M¥SS KETA – nome rigorosamente in caps lock, è di lei che stiamo parlando – oltre alla provocazione sa maneggiare il mestiere della cronaca, raccontare la quotidianità. Su tale mestiere molti cantanti prima di lei, Fabrizio de André (la chiamavano bocca di rosa / faceva l'amore sopra ogni cosa), Fabri Fibra, hanno costruito una rispettata carriera.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog