TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Anteprime, “Sentirsi come Robert De Niro”...

TECH | 30 SEPTEMBER 2016

Anteprime, “Sentirsi come Robert De Niro” del cantautore folk/elettrico Kama

Il music video anticipa il disco “Un Signore anch'io” di prossima uscita, indaga con ironia sul significato dei miracoli Si intitola “Un Signore anch'io” il nuovo disco del cantautore Kama (Alessandro Camattini).

Registrato negli Edac Studio di Davide Lasala, l'album raccoglie 11 canzoni di folk elettrico (chitarre elettriche e Wurlitzer aggiungono due ulteriori interessanti livelli di ascolto alle canzoni) incentrate su melodia e parole.

I testi di Kama adottano un approccio critico verso la contemporaneità e un punto di vista ironico, arguto.

“Un Signore anch'io” è anticipato dal singolo Sentirsi come Robert De Niro, di cui pubblichiamo oggi in anteprima esclusiva il music video.

Il regista Andrea Sartori così spiega il trattamento video applicato alla canzone: "Il concept nasce da un’idea iniziale di Stefano Ronchi di fare sparire Gesù dalla croce mentre un altro messia rimaneva immerso nei goffi accadimenti del quotidiano. Da qui abbiamo sviluppato a più mani (e teste) la trama. Kama ha ribadito più volte il desiderio di avere un video che facesse riflettere sulla simbologia e la morale cristiana, non semplicemente un attacco alla chiesa cattolica. Ci interessava riportare l’attenzione dal mito all’uomo; Kama è vestito in abiti quotidiani ma ha la corona di spine e nel corso del video affronta la sua personale via crucis, subendo oltraggi di ogni tipo. La realizzazione è stato un lavoro di gruppo di tutto Collettivo Virale, dove collaborano professionisti con una grande passione per la musica. Per questo video siamo diventati una vera è propria casa di produzione.
Ci piacciono le sfide e tecnicamente abbiamo fatto una scelta controcorrente rispetto ai videoclip attuali: un unico piano sequenza in 4K con camera fissa, per dare alla scena un aspetto teatrale. La quarta parete è stata però abbattuta solo da Kama e solo per un istante. Abbiamo lavorato sulla regia successivamente, in post produzione. L’unico vero movimento di camera è la carrellata finale, tutto il resto è motion graphic. Ci era piaciuta l’idea che Kama, come un moderno e umano Gesù, realizzasse anche un miracolo… al contrario; così abbiamo scelto il più doloroso, per degli enofili come noi! Un altro elemento di complessità sono stati i ritornelli: volevamo che gli attori si muovessero in slow motion, ma cantando in synch con la musica, quindi gli attori hanno dovuto imparare il ritornello al doppio della velocità e poi cantarlo in synch perfetto. Considerando che abbiamo provato e girato in un giorno e mezzo, alla fine abbiamo avuto la sensazione commovente di averlo compiuto noi un miracolo!"

Curiosità: l'intero disco “Un Signore anch'io” indaga sull'attualità e sul senso della fede. Come spiega Kama, è importante: “Non dare nulla per scontato, non lasciare che le cose abbiano il sopravvento su di noi, essere padroni dei nostri passi. È questo il significato vero di questo lavoro: essere sempre alla ricerca della libertà, e di se stessi”.
Coerentemente, in occasione dell'uscita del disco Kama avvierà una campagna pro-sbattezzo, regalando l'album a tutti quelli che gli invieranno la foto col certificato di sbattezzo, e promuovendo l'attività dell'UAAR (Unione degli atei ed agnostici razionalisti) durante i propri concerti.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog