TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Abbiamo giocato al Monopoly di Star Wars

Dai giocattoli più improbabili agli omaggi nei supermercati, per Il Risveglio della Forza Disney ha scatenato la sua strategia marketing con una potenza di fuoco che supera in scioltezza la Morte Nera. L’annuncio del nuovo capitolo ha infatti portato con sé un’invasione di videogiochi, dentifrici, vestiti, maschere, statuette, libri e fumetti, un bombardamento a tappeto in cui spicca anche una versione del Monopoly dedicata a Guerre Stellari.

Certo, non si tratta della prima dedicata alla saga di Lucas, ma è l’unica in cui il tabellone classico del gioco da tavolo cede il posto a un design più “galattico”. Anche i segnalini sono diversi e, al posto di auto da corsa e cappelli a cilindro, ci sono personaggi della vecchia trilogia mescolati a quelli del nuovo capitolo.

E visto che sarebbe assurdo veder Darth Vader gestire un hotel in Bastioni Gran Sasso, i nomi delle vie sono stati rimpiazzati dai pianeti della saga, come Hoth, Endor o Tatooine. Niente case e alberghi, in questo Monopoly si costruiscono basi interstellari in cui far pagare una tassa di soggiorno, che sarà di dimezzata per gli alleati. Il Monopoly di Star Wars infatti non è un tutti contro tutti, ma un gioco a squadre in cui due giocatori si schierano con l’impero e due con i ribelli. A conquistare la galassia sarà poi chi ha il maggior numero di basi tra i componenti dell’alleanza vincente.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog