TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Un fossile digitale per studiare i nostri antenati

I resti di ossa dei nostri predecessori nella storia non sono per ogni intervallo molto abbondanti. Quelli risalenti alla metà del Pleistocene, per esempio, sono molto scarsi.

Grazie a particolari software gli scienziati stanno oggi ricreando questi reperti al computer, partendo dai dati raccolti attraverso i ritrovamenti e provando a riempire le lacune in modo artificiale, con gli algoritmi e la statistica.

In questo video, ecco per la prima volta una panoramica 3D del cranio dell’ultimo antenato comune tra Homo sapiens e Neanderthal, ottenuto attraverso l’elaborazione di centinaia di riferimenti dai fossili ritrovati: 797 per la precisione.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog