TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Un ascensore per le sonde spaziali del futuro

Una torre alta 20 chilometri da impiegare come “trampolino” per l’invio di sonde nello Spazio. Potrebbe consentire un grossissimo risparmio di carburante durante la partenza delle missioni, e per questo una company canadese che si occupa di ingegneria spaziale, la Thoth Technology, è già alle prese con un progetto per realizzarla.

“Le piattaforme di lancio spingono verticalmente i razzi spaziali, che dopo questa fase si liberano del propellente” spiega Ian Tomaszewski, uno dei responsabili del progetto: “Col nostro sistema, si elimina questa parte del viaggio”. Gli astronauti (e le navicelle) salirebbero direttamente in cima alla struttura con un ascensore elettrico e darebbero inizio all’avventura spaziale direttamente da questa quota, con un risparmio di carburante per l’avvio dei mezzi fino al 30%.

Come sarà fatta questa torre? Lo scopriamo insieme in questo video, mentre attendiamo che sia pronto il suo prototipo in miniatura, per il quale è necessario ancora qualche mese.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog