TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Il braccio robotico mosso dal pensiero che af...

Una 55enne quadriplegica che riesce a far muovere un braccio robotico col pensiero fino ad afferrare e muovere degli oggetti. Succede grazie agli scienziati dell’Università di Pittsburgh, che hanno impiantato due piccoli elettrodi nella corteccia motoria della paziente e questi, comunicando con un computer, rendono possibile eseguire alcuni suoi piccoli gesti volontari. Una ricerca che è stata appena pubblicata sul Journal of Neural Engineering.
Già un paio d’anni fa la stessa paziente era riuscita a compiere semplici operazioni con lo stesso braccio, per esempio battere il cinque ai ricercatori o avvicinarsi alla bocca una tavoletta di cioccolata. Ora però la difficoltà dei movimenti è nettamente superiore e le consentirà di utilizzare un cucchiaio, dare pizzicotti, gesticolare con una varietà di segni. Vantaggi che dopo 11 anni di completa paralisi, rappresentano un’enorme salto nella qualità di vita.
In questo video, alcuni test per la valutazione dei movimenti dell’arto.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog