TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Il pannello solare che va anche di notte

Immagazzinare il calore del Sole per continuare a produrre energia anche nelle ore di buio, e senza spendere tanto: questo il cavallo di battaglia dell’azienda israeliana Brenmiller Energy, che ha appena messo a punto un sistema che riesce a farlo davvero.

Come funziona? In generale i pannelli solari funzionano attraverso un set di specchi parabolici (in questo caso, nel bel mezzo del deserto) che catturano la luce del Sole e generare vapore. Il vapore, circolando nei tubi, va poi a muovere una turbina per produrre energia elettrica. Grazie alla tecnologia elaborata da Brenmiller, diventa possibile stipare una porzione del calore del Sole sottoterra, grazie a un materiale (simile al cemento) che lo assorbe e lo rende una risorsa di energia che non necessita continuamente della luce e che può mandare avanti il processo di conversione anche di notte e nei giorni di maltempo.

Guarda in questo video tutti gli step di questo nuovo processo.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog