TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Il metallo liquido prende forma

Fino a qualche tempo fa, il cattivo di Terminator 2, quello tutto pieno di metallo liquido, era solo una remota fantasia: tutti abbiamo rotto un termometro nella nostra vita e notato come le goccioline di mercurio, una volta liberate, rotolano senza allontanarsi mai dalla forma sferica. L’unica che, di fatto, l’altissima tensione superficiale del metallo consente.

Oggi, grazie a nuove tecniche per modulare proprio questa tensione, che altro non è che l’intensità con cui le molecole alla superficie del fluido si trattengono l’una all’altra, possiamo davvero provare a controllare, e senza neanche troppa difficoltà, la forma di questa massa tremolante. Lo ha decretato uno studio, appena pubblicato su Pnas da un gruppo di ricercatori della North Carolina State University, che sfruttando la superficie ossidata di una lega fluida di metalli (gallio e indio) e applicandovi dei leggeri voltaggi ha consentito di creare le stelle, le curve e le più svariate figure asimmetriche che vediamo in questo video. Altroché sfere.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog