TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

E mister Expo disse: "Hack-erateci!"

Questo invito-provocazione a Milano e all’Italia arriva da Giuseppe Sala, amministratore delegato di Expo 2015 Spa dal 2010, e dallo scorso maggio commissario unico della manifestazione che promette di portare a Milano oltre 20 milioni di persone in sei mesi, da maggio a ottobre 2015. Bocconiano, manager in Pirelli negli anni ’80, poche settimane fa Sala ha firmato il suo primo record: 60 dei circa 144 paesi partecipanti costruiranno un padiglione a Rho. A Shanghai erano 42. Tutto questo si traduce in appalti per 1100 imprese e un budget di 2,6 miliardi di euro: 1,3 da risorse pubbliche bilanciati da 1,3 di investimenti delle aziende e dei Paesi. In più contratti con le aziende per 340 milioni.
Incassati gli applausi e scansati alcuni guai giudiziari che hanno colpito Infrastrutture Lombardia, ora la sfida di Sala è vendere” Expo a tutti gli italiani. Non solo per il food e per chi espone nell’area di Rho, ma per tutti quelli che sapranno sfruttare il momento. Quello che potrebbe nascere è una sorta di “Fuori Expo”. L’idea è una manifestazione non istituzionale, spontanea e nata dal basso che Wired ha immediatamente fatto sua stimolando idee e interventi. La posta in gioco è alta: le stime della Bocconi indicano che l’afflusso di visitatori può generare un aumento del Pil di almeno 10 miliardi.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog