TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Le cellule che svelano i misteri del tatto

Si chiamano cellule di Merkel, si trovano in profondità nell’epidermide e sono in grado di trasmettere i dettagli e le texture delle superfici con cui veniamo in contattoCome fanno le cellule della nostra pelle a consentirci di provare e distinguere le diverse sensazioni tattili? Rispetto agli altri quattro sensi, quello del tatto rimane tutt’oggi ancora il più fitto di misteri e a studiarlo con i risultati più interessanti è stato negli ultimi anni un gruppo di scienziati del Columbia University Medical Center, che ha appena pubblicato un nuovo studio su Nature.

Per la prima volta i ricercatori sono riusciti a visualizzare le cellule coinvolte nella percezione dei segnali tattili e nella loro trasduzione.
Per farlo, hanno impiegato l’optogenetica, un metodo che utilizza la luce come sistema per accendere e spegnere a comando le cellule coinvolte nel segnale, applicandola direttamente su cellule della pelle per comprendere il loro funzionamento e le loro modalità di comunicazione.


Le cellule in questione – e che vediamo in questo video, filmato durante gli esperimenti – sono le cosiddette cellule di Merkel, strutture ricche di recettori dello strato più profondo dell’epidermide che sono in grado di registrare la pressione esercitata sulla cute e distinguere dettagli e texture delle diverse superfici.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog