TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

'The Interview', il film più scaricato di sempre

Dopo i cyber-attacchi che avevano portato la Sony Pictures a ritirare l'uscita del film "The Interview", il buon senso natalizio ha prevalso e la controversa pellicola è arrivata su 300 schermi indipendenti americani - contro i 3000 inizialmente previsti.

Nonostante il numero delle sale fosse davvero ridotto, nei primi due giorni di programmazione "The Interview" ha incassato oltre un milione di dollari. Una cifra rispettabilissima, che però sembrerebbe non rispecchiare le prime impressioni 'ufficiali' espresse dal pubblico: secondo un sondaggio online commissionato da Variety, per la metà degli interpellati la satira risulta "culturalmente insensibile, non rappresentativa del cinema di Hollywood né dell'atteggiamento americano". Inutile dirlo, l'altra metà si schiera a favore.

"The Interview" racconta la storia di un giornalista americano (interpretato da James Franco) e del suo produttore (Seth Rogen, che ha anche diretto la commedia), invitati dalla CIA a usare la scusa di un'intervista per assassinare il leader coreano Kim Jon-un. Una trama indigesta ai rigidi schemi della Corea del Nord, tanto da sfiorare a più riprese l'incidente diplomatico con tanto di appelli di Obama e verifiche ufficiali del Pentagono. Anche la Russia è scesa in campo, definendo il film come "scandaloso" e solidarizzando con Pyongyang.

Crisi politica a parte, vale la pena citare uno storico cameo: quello di Eminem. Nella sequenza in cui è protagonista - un'intervista televisiva - il rapper si dichiara omosessuale: una performance sorprendente da parte di un artista finito più volte nel mirino di gruppi per i diritti civili e per la difesa dei diritti degli omossessuali, che lo accusavano di scrivere testi omofobi.

Non è ancora dato sapere quali saranno le sorti di "The Interview" in Italia, dove l'uscita era prevista per il prossimo 22 Gennaio: male che vada, ricorreremo alla rete - dove la pellicola ha già raccolto oltre 15 milioni di dollari ed è stato scaricato a pagamento più di due milioni di volte in soli due giorni. Insomma, l'attacco degli hacker si è rivelato una potentissima macchina promozionale...

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog