TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Capodanno nel mondo: scopri le tradizioni pi...

Paese che vai, usanza che trovi. E così, ce ne andiamo in giro per il mondo a scoprire abitudini, costumi e riti che consacrano il Capodanno e danno colore a una delle celebrazioni più attese.

Cominciamo dai cugini spagnoli, dove le tradizioni sono piuttosto simili a quelle italiane tranne una, quella più importante: allo scoccare della mezzanotte, i 12 tocchi dell'orologio di Puerta del Sol a Madrid (in collegamento televisivo per chi non è in piazza), devono essere accompagnati da una scorpacciata di uva. E' facile rifarlo ovunque vogliate, basta preparare 12 acini e inghiottirne uno per rintocco. Non manca la bevuta: dopo aver fatto tintinnare i bicchieri per tre volte consecutive, si brinda pronunciando la formula "Arriba, abajo, al centro y pa' dentro".

Spostiamoci in Grecia, dove il nostro San Silvestro diventa San Basilio e porta doni ai bambini. Se ti invitano a una cena casalinga, appena superato l'uscio dovrai deve rompere un melograno scagliandolo con decisione sul pavimento: più chicchi spargerai, più fortuna arriverà. A fine cena, attenzione al dolce: la vassilopitta nasconde una monetina e il primo effetto potrebbe essere quello di dover ricorrere al pronto soccorso dentistico o - bene che vada - 'partorirla' al risveglio. Ma se riuscissi a non trangugiarla, allora avrai un anno prospero e potrai scatenarti con le kalanta, le canzoni tipiche del folklore greco.

Secondo voi i sudditi della Regina Elisabetta possono divertirsi almeno a Capodanno senza ubriacarsi? Evitando fiumi di birra, potrei rimpinzarti di tacchino con ripieno di castagne e Christmas Pudding, scatenandoti nella pesca di frutta secca che galleggia su un liquore infiammato e saltando dentro un cerchio di 13 candele rosse senza spegnerne nemmeno una. A fine pasto, via con la frutta: sarai costretto a mangiare una mela sospesa a un filo senza spegnere la candela all'altra estremità.

A proposito di bevitori accaniti, quei buontemponi dei tedeschi trascorrono l'ultimo dell'anno mascherati come a Carnevale. Si brinda con il Feuerzangenbowle, bevanda a base di vino rosso e rum arricchiti con cannella, chiodi di garofano e bucce d'arancia. Per tradizione si consumano quintali di noci e uvetta accompagnate alle aringhe affumicate. E se volete sapere cosa vi riserva il futuro, allora dovrete ricorrere a un'usanza che tradotta dall'impossibile idioma diventa 'colata di piombo', che consiste nel versare l'elemento nell'acqua: se si forma una palla, allora il 2015 sarà il vostro anno!

In Sud America ci si veste di giallo, pure lì si mangiano 12 chicchi di uva (rigorosamente nera) e il capofamiglia allontana la sfortuna versando dietro di sé un bel bicchiere di vino. In Brasile il giallo è al bando (ceppo portoghese, da non confondere con quello ispanico), l'abito deve essere completamente bianco vestiti e si deve cercare di cavalcare le prime 7 onde per rendere omaggio a Yemanjà, la divinità che protegge il mare e i bambini.

Giappone: gli occhi a mandorla celebrano Toshigami (la divinità che simboleggia l'anno in arrivo), dedicandosi alle pulizie domestiche. Allo scoccare della mezzanotte le campane dei templi buddisti suonano 108 colpi, tanti quanti gli elefanti di Bono che redimono i peccati degli uomini.

Ci risulta che la Russia sia l'unico Paese dove il Capodanno si festeggi due volte: il calendario Gregoriano indica il 31 Dicembre, quello Giuliano il 13 Gennaio. Nel primo caso si aspetta la mezzanotte scandita dalla Torre Spasskaja del Cremlino per ballare e mangiare. Oltre alla tipica insalata russa, le specialità sono le prugne secche farcite di nocciole ricoperte di panna acida. A innaffiare il tutto, champagne e vodka ghiacciata. Attenzione: allo scoccare del dodicesimo rintocco, si apre la porta di casa per dare il benvenuto all'anno nuovo!

E l'Italia? Dovremmo saperlo, ma rinfreschiamo le idee: cotechino e lenticchie a volontà, che portano soldi. Obbligo: il brindisi di mezzanotte si fa guardandosi dritto negli occhi, meglio se con un romantico bacio da scambiare sotto un rametto di vischio.

E con questo, buon 2015!

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog