TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Video anteprima, il documentario interattivo ...

Nuovo disco registrato a Glasgow e nuova piattaforma per la band piemontese Novara -

Il rock cantautorale piemontese de Il disordine delle cose esplora nuovi spazi (virtuali) e nuove terre (reduci da un recente referendum sull’indipendenza).

Degli spazi virtuali della band potete fare esperienza diretta - è un consiglio - sul loro nuovo sito, pubblicato in concomitanza con la pubblicazione del disco “Nel posto giusto” (10 Ottobre 2014, Black Candy Records-Audioglobe): vera e propria piattaforma interattiva, il sito prende le dimensioni di un reportage sulla vita e il lavoro del complesso.Le nuove terre esplorate da Il disordine delle cose si trovano su al nord, a Glasgow.
Qui ha sede il CaVa Studio, leggendario studio di registrazione (David Byrne, Belle and Sebastian, Foo Fighters…) di cui si è avvalsa la band.

I due mondi, quello virtuale e quello fatto di microfoni, accordatori, valvole, si incontrano nel documentario interattivo de "Il disordine delle cose" al CaVa Sound Studio di Glasgow.

Qual è il trait d'union geografico e musicale dei tre dischi?«Pensiamo che il viaggio sia molto importante per la scrittura dei nostri dischi e altrettanto caratterizzante. Riconosco che abbiamo sempre bisogno di un certo distacco quando ci fermiamo dall'attività live per concentrarci su nuovi temi e canzoni.

Il primo disco è stato registrato a Torino, nello studio e con la produzione di Gigi Giancursi e Cristiano Lo Mele dei Perturbazione, ma è nato in una baita di montagna. C'è anche servito molto a capire come scrivere canzoni, trovare una dimensione tutta nostra.

Abbiamo quindi messo in piedi una base in una cascina dalle nostre parti. Qui nascono i nostri dischi e qui troviamo le suggestioni necessarie per decidere quale sarà la nostra prossima meta.

C'è un video "indice" di immagini fruibile da un pubblico generalista accompagnato da un brano del disco (un video clip, di fatto), ma ci sono molti approfondimenti per un pubblico più interessato a capire la nostra esperienza e i contenuti stessi del disco.

Tutto è montato su immagini riprese dagli amici di TIWI , che ci hanno aiutato a produrre i frammenti video e la piattaforma, e sulle musiche del nostro disco in uscita il 10 di ottobre».

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog