TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Gucci e la moda transgender

Che l’arrivo di DI Michele avrebbe portato una brezza frizzante in casa Gucci era logico pensarlo.

Così come logico appariva, sin dalla sua prima collezione, il ritorno agli anni ’70, al liberalismo, ai colori, alle stampe.

Ma nella moda di Alessandro DI Michele c’è molto di più di tutto ciò.

C’è la risposta a colori ad una moda povera di idee e sempre più bacchettona che al suono del “diverso” si barrica dentro maglie a girocollo e pantaloni a sigaretta. Della serie: “Ecce Homo”.


La passerella Uomo Autunno-Inverno 2016/17 nasce come risposta agli schemi e richiama una moda che non ha confini uomo-donna.

E allora chi meglio della modella attrice transgender Hari Nef per ribadire quanto i confini della sessualità possano essere ampi, infiniti.

L’attesa era davvero tanta, la curiosità di veder sfilare Hari tantissima.

Al di là della collezione che ha lasciato molto a bocca aperta, intrisa di fumetti, colori con voluti picchi trash, Gucci ha portato in passerella ciò che mancava: la rivoluzione

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog