TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

London Collections: Men 2015

Si è conclusa la settimana della moda londinese A/I 2015-2016 dedicata all'uomo: un calendario sempre più ricco che - nell'arco di quattro giorni - ha portato in passerella 32 marchi: alcuni noti e che giocano in casa come Belstaff, che riconferma lo stile biker in chiave luxury, altri completamente nuovi.

Ad aprire la London Collections è stata Topman, che ha celebrato il decimo anniversario della linea uomo con una collezione che riconduce alla generazione hippie virando poi sul glamour e rock'n'roll degli anni '70. Dolcevita stretti, giacche in denim, pantaloni con gli orli accorciati che mostrano la caviglia.

Tante le star presenti nel front row, a cominciare dal modello David Gandy. E poi, Oliver Cheshire, il musicista Paul Weller e l'attore Douglas Booth.

Domenica 11 Gennaio i riflettori sono stati puntati sulla bizzarria e stravaganza di Mr. Jeremy Scott, alla sua seconda stagione uomo: anche questa volta il designer non ha deluso le aspettative di quanti si aspettano una moda non solo chic, ma anche divertente.

Scende la neve in passerella: i modelli e le modelle indossano i Moon Boot di pelo, i piumini-montgomery di paillettes, le camicie a quadri con i fiori applicati alla Andy Warhol, i parka tecnici nei colori accesi e poi le maglie patchwork, le gonne scozzesi.

Pezzi classici interpretati per accattivare le nuove generazioni come il montgomery fatto a frac o la postina a forma di maxiguanto. Una grande performance e ancora una volta una grande presenza, a conferma che anche nella moda uomo ci sia molto da inventare.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog