TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Pasta Frolla

Per preparare la frolla classica si possono utilizzare semplicemente le mani. Se invece lavorate con un’impastatrice, usate il gancio a foglia. Per montare il burro della frolla montata serve una frusta, meglio se elettrica; se utilizzate l’impastatrice, munitela del gancio a frusta. Per le successive lavorazioni è indispensabile il matterello e sono utili raschietto, tagliapasta, pennello, spatola, setaccio per lo zucchero a velo, teglie per la cottura dei biscotti, stampi per crostate e tartellette, una griglia per raffreddare i biscotti.

La pasta frolla montata è una variante: si procede al contrario della frolla classica; si unisce la farina solo alla fine, per non appesantire un impasto molto leggero, che, una volta cotto, risulterà particolarmente friabile grazie all’aria incorporata nel burro. Montate il burro con lo zucchero, poi unite gli aromi e i tuorli, uno alla volta, sempre mescolando con la frusta, finché non saranno ben amalgamati, infine incorporate la farina mescolando delicatamente con una spatola.

Un panetto di pasta frolla classica appena preparato dura in frigo per 24 ore.
In freezer si conserva invece fino a 6 mesi: al momento dell’uso, trasferitelo in frigo per 24 ore, poi lasciatelo circa 30’ a temperatura ambiente.
La frolla scongelata deve essere un po’ manipolata perché i macrocristalli che si formano in freezer, tornando a temperatura ambiente, umidificano l’impasto in modo non omogeneo. Lavorate il panetto in modo da renderlo nuovamente omogeneo, se necessario con un po’ di farina, e lasciatelo riposare ancora in frigorifero, come se fosse appena fatto. La frolla montata, invece, deve essere cotta subito.

Topic:

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog