TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Cosa sono i sogni per Luigi Lo Cascio?

Capita spesso, in vista di un'intervista a un attore, di immaginare la persona che troverai di fronte. L'interprete di talento è per sua natura bravo a nascondersi dietro un personaggio. C'è il rischio di cadere in un tranello... Non con Luigi Lo Cascio.

Lui ti stringe forte la mano e ti accoglie con affetto. Poi ti osserva, ti studia. E' semplice capire il perché oggi sia tra gli attori più amati. Le sue interpretazioni sono eleganti, fluide, superiori. Nessun affanno.

Nato a Palermo il 20 Ottobre 1967, Luigi Lo Cascio frequenta per due anni la facoltà di medicina. Il suo sogno, a quel tempo, è diventare psichiatra. Ma il teatro irrompe nella sua vita e le sue ambizioni a poco a poco si trasformano. Luigi entra a far parte di un gruppo di teatranti di strada che si chiama Cabaret A Scale, poi ottiene una parte in "Aspettando Godot", che lo porta a recitare nei più grandi teatri italiani.

Approda al cinema quasi per caso, quando suo zio Luigi Maria Burruano lo segnala a Marco Tullio Giordana per un provino per il ruolo di Peppino Impastato ne "I Cento Passi".

Oggi, dopo molti ruoli, film importanti e altrettanti premi vinti, Luigi Lo Cascio di passo ne compie ancora uno. L'ultimo in questione è l'Otello, rivisitato in una formula totalmente diversa e riscritto in dialetto siciliano. Un'opera che non costringe ma accompagna a riflettere sui rapporti uomo-donna e sulla morbosità che si cela dietro alle relazioni.

Ragiona e racconta di sé allo specchio, senza fissarsi mai troppo.

"Cosa sono i sogni per te?" gli chiediamo...

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog