TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Pink Floyd, 'The Endless River': intervista a...

La prima cosa che si è vista di "The Endless River" è la copertina, onirica quanto basta per non far rimpiangere le opere d'arte che hanno accompagnato ogni loro: per il loro rientro sulle scele a 20 anni da "The Division Bell", i Pink Floyd hanno scelto una creazione del giovanissimo Ahmed Emad Eldin - artista digitale egiziano che ha solo 18 anni. L'immagine di un uomo che rema su un fiume di nuvole è perfetta per un disco intitolato 'il fiume infinito': per la promozione della release - che in Italia sarà disponibile dal 10 Novembre - sono state realizzate 10 gigantografie per altrettanti edifici di 10 città in tutto il mondo. Per vederla in Italia, si deve andare a Milano all'incrocio tra Via Turati e Via Moscova.

Nelle radio - ma anche in rete, va da sé - si può già ascoltare il 'singolo' (definizione che nel caso dei Floyd è quanto mai inappropriata), "Louder Than Words". E' l'unico pezzo cantato in un'opera completamente strumentale, il cui testo è nato dalla penna di Polly Samson, moglie di David Gilmour e scrittrice: 'più forte delle parole' c'è solo la musica, dunque. La canzone era già nata durante le sessioni di "The Division Bell", tanto che compaiono anche le tastiere del compianto Rick Wright - scomparso nel 2008 a 65 anni. Una magia che si è ripetuta anche per molte delle altre parti che compongono i quattro movimenti di "The Endless River", salvo aggiunte specifiche che sono state realizzate nell'ultimo anno perché il lavoro potesse essere attuale. I Pink Floyd del 21° secolo, insomma.

Un ritorno che è anche un addio: a confermarlo sono gli stessi Gilmour e Nick Mason, che hanno dichiarato esplicitamente un laconico "siamo alla fine". Nessuna citazione né coinvolgimento in nessuna forma per Roger Waters, che dopo aver concluso il monumentale "The Wall Tour" (con 219 tappe all'attivo e un documentario presentato in anteprima al Festival del Cinema di Toronto), se ne sta in studio per conto suo a dare un seguito al disco solista "Amused to Death" che risale addirittura la 1992.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog