TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Lars von Trier: "Gli artisti devono soffrire,...

Lars Trier nasce a Copenaghen il 30 Aprile 1956. I suoi genitori - Inger Høst e Ulf Trier - sono nudisti, comunisti e atei: è per questo che lo fanno crescere in un clima di libertà assoluta, che gli crea non pochi problemi. Lars deve fare da padre a se stesso: questo gli fa nascere un forte desiderio di autodisciplina e di capacità di leadership. Frequenta il Lundtofte, un istituto scolastico dai metodi molto autoritari: non a caso, abbandona la scuola all'età di 15 anni e finisce gli studi con un metodo di insegnamento a distanza. Nel 1975 decide di aggiungere al suo nome il titolo nobiliare di 'von' in onore del nonno. Grazie alla madre comincia ad appassionarsi al cinema: dopo qualche cortometraggio, nel 1984 realizza il primo film  "L'Eelemento Del Crimine".

Nella seconda metà degli anni '80 von Trier lavora in Danimarca come regista per la televisione e per la pubblicità. Per il piccolo schermo raggiunge il successo nel 1994 con la serie "The Kingdom - Il Regno", una storia a metà fra horror e commedia interpretata da Ernst-Hugo Järegård. Il primo grande successo internazionale arriva con "Le Onde Del Destino" del 1996, prima pellicola realizzata dopo la redazione e la diffusione del manifesto Dogma 95, un movimento creato per "purificare il cinema dagli effetti speciali e dai budget miliardari". Le dieci regole del dogma verranno spesso 'interpretate' dallo stesso von Trier nei suoi film, a partire da "Dancer In The Dark" in cui spicca la cantante islandese Björk, con il quale nel 2000 vince la Palma d'Oro al Festival di Cannes.

Il successo ottenuto gli consente di permettersi l'ingaggio di una diva hollywoodiana del calibro di Nicole Kidman per il suo "Dogville" del 2003. Seguono lavori controversi come "Antichrist" e "Melancholia", ma è nel 2014 che Lars torna agli onori delle cronache con "Nymphomaniac Vol. 1 e 2", ovvero il racconto iper-dettagliato delle avventure sessuali della ninfomane Charlotte Gainsbourg - per il quale il regista deve utilizzare attori di film porno per le scene - tante - più hard. Personaggio controverso e pieno di fobie (per esempio, non viaggia mai in aereo), è uno dei filmmaker più    preparati e interessanti degli ultimi anni, capace di sorprendere e di realizzare un cinema sempre pieno di idee.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog