TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Silvio Berlusconi: "Sono semplicemente un imp...

Silvio Berlusconi nasce a Milano il 29 Settembre 1936. Figlio di Luigi - impiegato e poi dirigente bancario - e di Rosa Bossi. Dopo di lui nascono Maria Antonietta e Paolo. Cresce fra il basso varesotto e la Svizzera, dove si era rifugiata la famiglia durante la Seconda Guerra Mondiale. Rientrato a Milano, prende la maturità classica e nel 1961 si laurea alla Statale in Giurisprudenza. Dopo aver lavorato come cantante sulle navi da crociera e come venditore porta a porta, si inserisce nel mercato immobiliare, prima come agente e poi come imprenditore. In pochi anni costruisce Milano 2 e Milano 3 e diventa rapidamente un personaggio conosciuto e influente, tanto che nel 1977 viene insignito del titolo di 'Cavaliere del Lavoro'.

I primi anni Ottanta vedono Silvio Berlusconi creare il suo impero televisivo: prima Canale 5 e a seguire Italia 1 e Rete 4 diventano le tv private più viste e amate dal pubblico italiano, che accetta la pubblicità all'interno dei programmi e apprezza la modernità e l'innovazione che questi portano nel panorama televisivo. Il Cavaliere, sulla scia del grande successo in Italia, tenta anche di esportare il suo modello televisivo all'estero, ma senza successo, tranne che in Spagna. Un'altra grande avventura è quella legata al Milan: Berlusconi lo acquista nel 1986 e in breve lo trasforma in una squadra straordinaria per gioco e vittorie, vincendo Scudetti, Champions League e Coppe Intercontinentali a ripetizione. Berlusconi non si ferma mai anche nella vita privata: dopo il primo matrimonio con Carla Elvira Dall'Oglio (con cui ha i figli Marina e Pier Silvio), si risposa nel 1990 con Miriam Bartolini, attrice che ha conosciuto a teatro come Veronica Lario. Dalla loro unione nascono Barbara, Eleonora e Luigi.

Nel 1994 Silvio Berlusconi sceglie di entrare in politica: in tre mesi sbaraglia il campo, vincendo le elezioni con Forza Italia - il movimento da lui fondato. Arrivato al Governo, trova però grandi difficoltà nei rapporti con gli alleati e dopo pochi mesi deve lasciare Palazzo Chigi. Nel tempo avrà modo di tornare in carica ma anche di perdere (in due occasioni fu battuto da Romano Prodi), in un'alternanza al potere fra centro-destra e centro-sinistra che ha caratterizzato l'Italia da metà degli anni '90 a oggi. Molti anche i suoi problemi con la giustizia: il lodo Mondadori, le vicende legate alle frequentazioni con giovani ragazze e tanti altri procedimenti aperti lo hanno nel tempo usurato, anche se mantiene ancora un rapporto forte e sentito con il "suo" popolo, che lo ama e lo difende sempre contro ogni tipo di accusa.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog