TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Matteo Renzi: "Si può essere riformisti e no...

Matteo Renzi nasce a Firenze l'11 Gennaio 1975. Figlio dell'imprenditore Tiziano e di Laura Bovoli, ha un fratello e due sorelle. Dopo l'infanzia a Rignano sull'Arno, si iscrive  al liceo classico Dante a Firenze dove si candida come rappresentante studentesco, senza però essere eletto. Dopo la maturità, conseguita nel 1993, comincia a lavorare alla Chil, l'azienda di famiglia che si occupa di marketing e giornali. Nel 1994 partecipa al quiz tv "La Ruota della Fortuna" condotto da Mike Bongiorno, dove vince 48 milioni in gettoni d'oro in cinque puntate. Partecipa attivamente alle attività degli scout, facendo carriera organizzando eventi e dirigendo il giornale dell'Agesci. Nel 1999 si laurea in giurisprudenza con una tesi su Giorgio La Pira, mitico sindaco democristiano di Firenze.

La sua carriera politica parte delle ceneri della Democrazia Cristiana, in cui aveva militato il padre come consigliere comunale. Nel 1996 appoggia Romano Prodi, poi si iscrive al Partito Popolare Italiano di cui diventa Segretario nel 1999. Quando il PPI si trasforma in Margherita, ne diventa in breve il responsabile prima cittadino e poi provinciale. Sempre nel 1999 si sposa con Agnese Landini, da cui avrà tre figli. Nel 2004 si candida come Presidente della Provincia di Firenze, vincendo con 58,8% dei voti. Nel 2008 decide di partecipare, come outsider, alle primarie del Partito Democratico per l'elezione del Sindaco di Firenze: vince, diventando il candidato del partito, da sempre maggioritario in città. Il passo è breve: Renzi diventa Primo Cittadino di Firenze affermandosi al ballottaggio contro l'ex portiere della Fiorentina Giovanni Galli.

Matteo Renzi guarda avanti: mentre come Sindaco fa parlare di sé per le sue politiche a impatto zero e il suo presenzialismo, a livello nazionale fonda il movimento dei "rottamatori", che ha come scopo principale il rinnovo della classe politica italiana per una nuova stagione di riforme. Organizza eventi in cui lancia nuove parole d'ordine, partecipa alle primarie nazionali del PD per il candidato premier (da cui esce perdente per mano del Segretario Pier Luigi Bersani), e poi - grazie all'impasse creatasi dopo le elezioni del 2013 - in due mosse diventa prima Segretario del Partito Democratico, poi - nel Febbraio 2014 - il più giovane Presidente del Consiglio italiano. Alle elezioni europee del 2014 porta il PD a un record di consensi con oltre il 40 % dei voti.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog