TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Alfred Hitchcock: "Ho una cura perfetta per u...

Sir Alfred Joseph Hitchcock nasce a Londra il 13 Settembre 1899. Figlio di William ed Enna Jane, è il più giovane di tre fratelli. Cresce sotto la severa educazione del padre, che gli trasmette anche il grande amore per il teatro. Dopo aver frequentato dei corsi serali presso la scuola di Ingegneria e Navigazione, è costretto ad abbandonare gli studi per motivi economici. Il suo primo impiego nel mondo cinematografico è del 1920, quando viene assunto come disegnatore di titoli dalla Players-Lasky Studios. Diventa poi un tuttofare alla Gainsborough Pictures: sceneggiatore, scenografo, assistente alla regia e montatore. Nel 1925 gli viene consegnata la regia del primo film: "Il Labirinto delle Passioni".

Conosce Alma Reville, che diventa sua fedele compagna di vita, nonché preziosa collaboratrice e consigliera, che nel 1928 darà alla luce l'unica figlia della coppia, Patricia. Il primo vero film di successo per Alfred è "Il Pensionante". Fino al 1933 alterna pellicole di suspense a storie di vario genere, ma lo stile e il talento che lo porteranno a diventare il re del thriller attirano l'attenzione di produttori americani, che lo corteggiano e che lo portano nel 1939 al trasferimento a Los Angeles. Negli anni quaranta, dal suo genio nascono film come "Rebecca La Prima Moglie", "Io Ti Salverò" e "Notorius", opere che esplorano temi molto cari al regista, quali il ruolo della casualità e la fragilità dell'ordine, il conflitto tra bene e male, normalità e follia. Ma il decennio d'oro per Alfred Hitchcock comincia negli anni cinquanta.

Maestro della messa in scena, arguto e dotato di sottile ironia, Alfred diffonde il suo nome tra il grande pubblico anche grazie alle produzioni televisive, come "Alfred Hitchcock presenta". Dal 1956 gira una serie ininterrotta di capolavori della storia del cinema, tra cui: "L'Uomo Che Sapeva Troppo", "Intrigo Internazionale", "Psyco", "Gli Uccelli", "Vertigo" e "La Finestra Sul Cortile". Affetto da problemi cardiaci, gli viene applicato un peacemaker e nel 1976 lavora alla sua ultima opera "Complotto di Famiglia". Nel 1980 riceve dalla Regina Elisabetta il titolo di Baronetto, poco prima di morire ad 80 anni a Bel Air. Nel 2012 è stato dedicato al regista inglese un film biografico dal titolo "Hitchock" in cui il suo ruolo è stato interpretato da Anthony Hopkins. Autore di cinquantaquattro film, tecnico meticoloso e celebre anche per le immancabili apparizioni da cameo nelle sue pellicole, il 'maestro del brivido' è una delle personalità più importanti del cinema mai vissute.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog