TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Ernest Hemingway: "Essere uomo è un mestiere...

Ernest Miller Hemingway nasce a Oak Park, Chicago, il 21 Luglio 1899. Secondogenito di Grace Hall e Clarence Edmonds, medico naturista che gli trasmette la passione per la natura, cresce con l'amore per la caccia e la pesca. Spinto dagli insegnanti, comincia a scrivere i suoi primi articoli e racconti già alle scuole superiori. Non si iscrive all'università ma comincia a lavorare come cronista al Kansas City Star, dove si distingue per uno stile rapido e oggettivo. Si presenta come volontario per combattere in Europa e lavora come autista di ambulanze durante la Prima Guerra Mondiale: viene ferito a Fossalta di Piave e ricoverato a Milano, dove si innamora di una infermiera. Viene decorato al valore militare.

Rientrato negli Stati Uniti, continua a mantenersi lavorando come giornalista, conosce e sposa Elisabeth Hadley Richardson che diventa madre del suo primo figlio, ma la sua natura inquieta e avventurosa lo riporta in Europa, dove si sposta spesso risiedendo soprattutto a Parigi. Il contatto con le avanguardie, lo stimolante ambiente culturale della 'generazione perduta' e l'amicizia con Ezra Pound lo influenzano notevolmente, scrive racconti ed escono i suoi primi libri, salutati positivamente da pubblico e critica, tra cui "Fiesta" del 1926. Divorzia da Elisabeth e si sposa con Pauline Pfeiffer, ex-redattrice di Vogue, con la quale si trasferisce  in Florida e che dà alla luce il suo secondo figlio. Conclude "Addio Alle Armi" nel '29 ed è già considerato un patriarca della letteratura americana. Grande viaggiatore e grande bevitore, avventuroso oltre il limite, la sua storia e la sua credibilità gli fanno meritare il soprannome di 'papa'.

Torna in Europa per la Guerra Civile Spagnola e collabora con l'amico John Dos Passos al documentario "La Terra di Spagna". A Madrid incontra la giornalista e scrittrice Martha Gellhorn, che diventa la sua terza moglie. Dopo essersi trasferito a Cuba, pubblica nel 1940 "Per Chi Suona La Campana", che è un successo travolgente. Nel 1944 è a Londra, dove conosce il fotografo Robert Capa e l'inviata di Time e Life Mary Welsh, che corteggia e che diventa la sua quarta e ultima moglie. Nel 1953 vince il premio Pulitzer per "Il Vecchio e Il Mare" e l'anno dopo gli viene conferito il Nobel per la Letteratura, ma non riesce a recarsi a Stoccolma a ritirare il premio a causa di due incidenti aerei che lo hanno fortemente debilitato. Scrive un libro di ricordi degli anni parigini, "Festa Mobile", che uscirà postumo nel 1964. Depresso e preda di crisi maniaco-ossessive, Ernest Hemingway, pietra miliare della letteratura americana e mito per molte generazioni di lettori e scrittori, muore suicida il 2 Luglio 1961.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog