TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Pelè: "Il calcio bisogna lasciarlo prima che...

Edson Arantes do Nascimento nasce a Três Corações, in Brasile, il 23 Ottobre 1940 dall'unione tra l'ex calciatore Dondinho e Maria Celeste Arantes. Il nome Edson deriva da Thomas Edison, l'inventore della lampada a incandescenza. Da bambino guadagna qualche soldo pulendo scarpe e quando può gioca a calcio per strada, ma al posto della palla lui e i suoi amici usano degli stracci o un pompelmo. Un compagno di scuola lo prende in giro perché Edson non sa pronunciare il nome del portiere Bilè, lo chiama Pilè. E' così che nasce il soprannome con cui sarà consegnato alla storia: Pelè. Notato da un osservatore del Santos, a 15 anni fa un provino e viene subito preso. Nel Settembre 1956 debutta in prima squadra segnando subito un gol: in pochi mesi diventa titolare e capocannoniere del campionato paulista, tanto da essere convocato in Nazionale. Ha solo 16 anni, ed è già un talento assoluto.

Nel 1958 - in Svezia - Pelè porta il Brasile a conquistare la prima Coppa del Mondo dei verdeoro: diventa un simbolo del modo di giocare brasiliano, fatto di tecnica, fantasia e attacco. Con il Santos vince ripetutamente trofei sia in Brasile e che in giro per il pianeta, fra cui ben due Coppe Intercontinentali contro il Benfica e il Milan. Pelè è il numero 10 che fa sognare ogni tifoso: molte squadre europee cercano di acquistarlo, ma per impedire la sua partenza il governo del Brasile lo definisce 'tesoro nazionale'. Ai Mondiali 1962 si infortuna quasi subito, ma il Brasile vince comunque il titolo, mentre nel 1966 in Inghilterra un altro incidente di gioco impedisce a "o rey" di giocare come sa e il Brasile viene eliminato. La leggenda di Pelè si completa con la vittoria a Mexico '70, quando il Brasile batte l'italia 4 a 1.

Pelè è il mito del calcio, arriva a segnare più di mille gol prima del suo ritiro, che avviene in prima battuta nel 1974: infatti torna a giocare un anno dopo, accettando l'offerta dei Cosmos di New York, che grazie a lui e ad altri campioni 'stagionati' vogliono lanciare il soccer negli Stati Uniti. Pelè gioca tre anni, poi nel 1977 si ritira definitivamente. Si diverte a comporre musica e a fare l'attore, come in "Fuga Per La Vittoria", dove recita a fianco di Sylvester Stallone e Michael Caine in uno dei più bei film dedicati al calcio. Ministro dello Sport in Brasile negli anni '90, testimonial dell'Unicef e della FIFA, nel 2000 è stato nominato con Diego Armando Maradona 'Calciatore del Secolo'. Con le sue 1281 reti è ancora oggi il professionista che ha segnato più gol ufficiali nella storia del calcio.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog