TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

Mario Balotelli: "Il razzismo nasce dall'igno...

Mario Barwuah nasce a Palermo il 12 Agosto 1990 da Thomas e Rose, immigrati ghanesi. Poco dopo la sua nascita, i genitori si trasferiscono nel comune bresciano di Bagnolo Mella. Il piccolo Mario ha problemi di salute e la famiglia originaria è in difficoltà economiche, tanto che chiedono l'aiuto ai servizi sociali, che raccomandano per il bambino l'affido familiare. Nel 1993 viene affidato dal tribunale dei minori alla famiglia Balotelli. Mario comincia a giocare a calcio a 7 anni, segnalandosi come un talento assoluto: viene notato da diversi osservatori di squadre importanti come l'Atalanta e il Verona, ma viene scartato per motivi disciplinari. Lo prende il Lumezzane, che - dopo averlo fatto esordire a 15 anni in serie C1 - lo cede all'Inter, con cui Mario vince due tornei di Viareggio con la squadra primavera.

L'allenatore dell’Inter Roberto Mancini fa esordire Balotelli in Serie A nella stagione 2007-2008: i suoi gol contribuiscono alla vittoria nel campionato della squadra nerazzurra. Nella stagione successiva Mario gioca spesso: con 8 gol si segnala come il giovane più interessante del campionato. Il carattere però non lo aiuta: tecnicamente è fortissimo, ma la personalità spesso rabbiosa e irascibile mina le relazioni con i compagni di squadra e i tifosi. Vittima di diversi episodi razzisti causati dagli ultrà avversari, Mario fa fatica a controllarsi e spesso viene ammonito o espulso. L'Inter cambia allenatore e con Mourhino nel 2010 è fra i protagonisti del leggendario triplete (Coppa Italia, Scudetto e Champions League), anche se un pesante litigio con l'allenatore e i compagni di squadra lo emarginano per il finale di stagione. Per Mario è ora di fare le valigie: destinazione Manchester City, allenato da quel Mancini che lo ha fatto esordire tre anni prima.

In poco più di due anni, Balo partecipa attivamente al ritorno alla vittoria del City, che conquista la FA Cup e sopratutto torna a vincere la Premier League dopo 44 anni. Mario segna 20 gol con 54 presenze, totalizzando anche molte espulsioni e altrettanti titoli dei giornali scandalistici, che lo seguono in ogni suo spostamento extra calcistico. Il suo talento intanto lo porta anche in Nazionale, dove - convocato da Cesare Prandelli - esordisce nel 2010. Con due suoi gol l'Italia batte la Germania e arriva in finale agli Europei 2012, dove viene poi travolta dalla Spagna. All'inizio del 2013 Balotelli torna in Italia per giocare nel Milan, la squadra per cui tifava da bambino. Colonna della squadra rossonera, torna al centro delle riviste di gossip per la paternità prima negata e poi confermata di Pia, figlia di Raffaella Fico, sua fidanzata per qualche tempo.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog