TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

"Io non sono un uomo, sono Eric Cantona"

Éric Daniel Pierre Cantona nasce a Marsiglia il 24 Maggio 1966. Suo padre Albert ha origini sarde, la madre Eleonore Raurich catalane. Eric segue le orme del genitore e comincia a giocare come portiere, ma ben presto scopre di essere molto più forte come attaccante. Un osservatore lo segnala a diverse squadre francesi, alla fine lo prende l'Auxerre. Cantona debutta nella Serie A francese nel 1983: dopo un periodo di ambientamento, comincia a segnare e nonostante il carattere ingestibile che lo caratterizza, nell'estate 1998 si scatena un asta al calciomercato francese per il suo cartellino. La spunta l'Olympique di Marsiglia, la squadra per cui con il padre e i fratelli tifava da bambino.

A Marsiglia Eric perde presto la calma: in un'amichevole viene sostituito e per protesta calpesta la maglia della squadra. Sospeso per un mese, a causa del suo temperamento va incontro a problemi di ogni genere anche in Nazionale. Il Marsiglia lo presta prima al Montepellier e poi al Bordeaux. Nel 1991 viene ceduto al Nimes, che Eric lascia definitivamente dopo un'espulsione. In Francia l'unico a sostenerlo è Michel Platini, che lo consiglia a diverse squadre inglesi. Eric veste la maglia del Leeds e guida la squadra alla vittoria nel campionato del 1992. Il Manchester United - allenato da Alex Ferguson - lo acquista nel Novembre dello stesso anno: Eric arriva finalmente nella squadra delle sua vita. In cinque anni vince 4 Campionati e due FA Cup, segnando 82 gol e diventando l'idolo assoluto dei tifosi.

La vita sportiva di Cantona è segnata da diverse squalifiche: la più clamorosa è quella subita nel 1995, quando dopo un'espulsione reagisce agli insulti di un tifoso sugli spalti colpendolo con un colpo di kung fu. Eric viene condannato a 120 ore di lavori sociali e viene squalificato per otto mesi dal campo. Si ritira dal calcio attivo nel Maggio del 1997, a soli 31 anni, dichiarando semplicemente che aveva voglia di fare altre cose. Diventa attore di successo, testimonial di spot pubblicitari, giocatore e allenatore di beach volley e sopratutto simbolo di un modo di vivere e giocare orgoglioso e ribelle. Sposato prima con isabelle Ferrer e poi con l'attrice Rachida Brakni, tre figli, Cantona ora è il direttore tecnico dei Cosmos a New York. Resta il mito dei tifosi dello United, primo fra tutti il regista Ken Loach, che lo ha reso immortale nel film "Il Mio Amico Eric".

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog