TOP LIVE! ?

{{posts[currentVideoHeader].category_label}}

{{posts[currentVideoHeader].title}}

in riproduzione

James Dean: l'eternità di un mito

James Byron Dean nasce a Marion, nello stato dell'Indiana, l'8 febbraio 1931. L'avvicinamento al mondo dello spettacolo avviene nel 1949, quando si impegna in performance teatrali e nello studio della recitazione.

Il primo ingaggio ufficiale è a Los Angeles per uno spot televisivo di una bevanda, ma le difficoltà nel trovare altri impieghi lo convincono a trasferirsi a New York, dove si iscrive all'Actors Studio di Lee Strasberg. Scelta azzeccata, perché è proprio lì che emerge il suo grande talento: in breve diventa un attore molto richiesto dalla televisione e dal teatro, recita a Broadway in "The Immoralist", tratto dal romanzo di André Gide. A quel punto è Hollywood che lo chiama: prima piccole parti e poi la grande occasione nel 1955 con "La Valle dell'Eden", in cui il regista Elia Kazan gli dà il suo primo ruolo da protagonista.

Scontroso, introverso, affascinante, Jimmy Dean non ha molti amici ma ha un idolo assoluto: è Marlon Brando, con cui ha studiato e al quale si ispira. Gira "Gioventù Bruciata", con cui diventa definitivamente un mito per i suoi coetanei che ne amano la fragile maschera da contestatore del potere, eroe generazionale che rompe con le sicurezze dei padri e anticipa la rivoluzione del rock'n'roll.

Sempre nel 1955 interpreta "Il Gigante" con Elizabeth Taylor, per cui riceve - postuma -  la seconda nomination all'Oscar come Miglior Attore Protagonista.

La sua passione per la velocità lo ferma il 30 Settembre dello stesso anno, quando un incidente con la sua Porsche lo fa entrare nell'immortalità a soli 24 anni.

Codice da Incorporare

Aggiungi questo video al tuo sito o al tuo blog